TUTTI I FAVORI ALLE BANCHE “CRISI PROVOCATA”

deciba_associazione_perizie_econometriche

Terremoti,famiglie in crisi,questo elenco curato dall’associazione DECIBA vi farà riflettere molto .

Proviamo a fare due conti,con tutti questi soldi pensiamo veramente che sia colpa della “crisi”

Renzi e i favori alle banche

Lasciamo per un attimo da parte l’opportunità che un Governo con Renzi e Boschi, legati a doppio filo con le inchieste su Banca dell’Etruria, si occupino ancora di banche, e consideriamo gli aiuti garantiti dal Governo Renzi in due anni di attività.

7,5 miliardi in regalo: col decreto “IMU-Bankitalia“, la legge che ha innalzato da 156 mila a 7,5 miliardi il valore del capitale sociale di Palazzo Koch, firmata dall’ex ministro Fabrizio Saccomanni, si è fatto un grosso regalo che ha dato respiro a suon di miliardi alle sofferenze bancarie, tutte private.

300 milioni di utili: è questo il dividendo che Bankitalia, privata a tutti gli effetti, stacca in favore degli azionisti (le principali banche private italiane) ogni anno.

Decreto “Destinazione Italia”: si permette di cartolarizzare ogni tipo di debito; anzi, si è imposto alle assicurazioni di usare le risorse per cartolarizzare, rendere cioè “finanza” i debiti a rischio insolvenza creando ulteriori rischi a investitori sprovveduti.

Accorciamento dei tempi sul recupero delle perdite sulle sofferenze: la banca che, come nel caso dell’Etruria, avesse concesso prestiti senza garanzie e non riuscisse a recuperarli, non sarà tassata su quei movimenti.
Il decreto “Banche popolari”: obbligatoriamente devono diventare S.p.A. le banche popolari (guarda caso l’Etruria) che hanno reddito superiore agli 8 miliardi di euro. Evento che ha fatto schizzare le quote dell’Etruria permettendo a qualcuno (ad, esempio all’amico di Renzi, Davide Serra) di guadagnare immediatamente un sacco di quattrini (+66%) prima del commissariamento.

mangiatoria_erutria_deciba_banche_esperti

Garanzia sui derivati da parte dello Stato: i derivati sono titoli tossici, cioè, nel settore finanziario, titoli potenzialmente pericolosissimi (vedi, Wikipedia). Non solo lo Stato Italiano ne ha in pancia un bel po’, ma si espone garantendo esso stesso alle banche che, nel caso ne avessero emessi in perdita, questi verrano coperti.

Direttiva BRRD (Bank Recovery and Resolution Directive) e bail in: la banca va male? I risparmiatori da clienti diventano soci e ripianano con i loro conti correnti e il loro portafoglio le sofferenze della banca.
Decreto “Salva banche”: sono quattro le banche finora che sono state “polverizzate” (Banca Etruria, Banca Marche, CariChieti e CariFe) e con esse gli investimenti di  ignari (la maggior parte) piccoli investitori che credevano che affidando i loro soldi alle loro banche li mettessero al sicuro. Fiducia disattese dal provvedimento del Governo che ha ridotto sul lastrico 130.000 famiglie.

Prestito vitalizio ipotecario: un pensionato che chiedesse un prestito sarebbe tenuto a rimborsare solo gli interessi: la somma prestata sarà rimborsata dagli eredi o, in caso di insolvenza, la banca requisirà, ad esempio, l’immobile ipotecato.

Mutui, la banca giudice requisirà la casa: portate da 7 a 18 le rate, anche non consecutive, non pagate da chi ha contratto un mutuo perché la banca, senza passare da un giudice, possa entrare in possesso dell’abitazione (anche prima casa) della famiglia insolvente.

Per concludere 20 Miliardi di Euro per salvare le Banche

Pubblicato in Senza categoria | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

GAETANO VILNO’ “LA PAURA IL GRANDE ALLEATO DELLE LOBBY “

gaetano_vilno_deciba

Lobby,Banche,Multinazionali,parliamo dello stesso argomento .

La paura di combatterle fa da padrone,un po’ i grandi media un po’ l’ignoranza e il gioco è fatto .

Spesso ci ritroviamo a combattere con questi nemici invisibili,quella paura interna che ci lasciano inermi davanti a reati e illeciti. Purtroppo sindacati e associazioni fanno il “gioco” dei grandi,abbiamo visto Banca Etruria e l’accettazione delle nuove norme Europee che per l’ennesima volta favoriscono i “grandi” a discapito dei “piccoli” .

Dobbiamo cambiare strada,oggi abbiamo tutti i mezzi per informarci,sia i privati che le aziende sopravvivranno solo con la cultura,in caso contrario nulla cambierà .

Non possiamo più delegare,noi dobbiamo essere artefici del nostro destino,per troppo tempo abbiamo delegato ai nostri avvocati,commercialisti,consulenti il nostro presente e futuro,ogni anno ci sono milioni di Euro persi per consigli sbagliati .

Non è tempo di delegare è tempo di cultura,la paura non può creare il nostro presente e futuro,quando un POPOLO è colto le lobby hanno le mani legate.

L’idea di DECIBA nasce con l’intenzione di creare un giusto equilibrio fra Lobby e chi difende i cittadini da molteplici abusi,purtroppo anche chi dovrebbe essere a difesa dei cittadini sembra essersi perso .

Lo vediamo tutti,gli interventi ci sono sempre dopo che i fatti gravi accadono,eppure ci sono situazioni così evidenti che non serve essere esperti per comprenderle.

La strada delle verità è sempre tortuosa,la storia ci insegna senza dubbio questo,chi ha combattuto per avere “giustizia” ha fatto spesso una brutta fine.

Come diceva Falcone chi ha paura muore ogni giorno,se oggi decidi di essere ignorante è solo una tua scelta,non delegare a professionisti o Politici la tua esistenza,dai a te stesso la possibilità di decidere cosa è giusto e cosa è sbagliato,lo dico sempre,la soluzione e il problema residente nello stesso posto … NOI .

Gaetano Vilnò

Video testimonianza di un’artigiano che ha scelto di controllare la banca

Pubblicato in Senza categoria | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

INTERESSI DA RESTITUIRE SE IL MUTUO E’ IN USURA IL TUTORIAL

Abrechnung

A cura di DECIBA

WWW.DECIBA.IT

Preanalisi Gratuita Garanzia DECIBA

Email:financialsolution@libero.it
Ufficio : 0521/241417

Tan, Taeg, Tegm, tasso di mora: una miscela di interessi che, se supera la soglia stabilita ogni trimestre, sconfina nell’usura. Vediamo come e che cosa fare.

L’usura è un reato penale che consiste nel superare le soglie stabilite dalla Banca d’Italia sui tassi di interesse richiesti per prestiti e finanziamenti, quindi anche per i mutui per l’acquisto della casa. Questi tassi massimi, o tassi di soglia, vengono fissati ogni tre mesi con due valori: uno per il mutuo a tasso fisso e l’altro per il mutuo a tasso variabile. Se queste soglie vengono superate, il cliente ha diritto al rimborso degli interessi.
Si possono distinguere due tipi di usura bancaria:
l’usura originaria, che si determina al momento della stipula del mutuo e quindi in base alle condizioni del contratto. In questo caso, il finanziamento è da considerare parzialmente nullo, in quanto la clausola degli interessi non è valida: quelli pagati vanno restituiti e quelli mancanti non vanno pagati;
l’usura sopravvenuta, che si manifesta durante la restituzione del mutuo: al momento della stipula del contratto è tutto regolare ma successivamente il tasso diventa usuraio perché la soglia è più bassa.

In questo video vi spiega quale è la procedura di controllo

Usura bancaria: il tasso di mora

Altro fattore da non trascurare per determinare l’usura bancaria sul mutuo è il tasso di mora, cioè l’interesse che mi viene applicato se non rispetto le scadenze dei pagamenti delle rate. La Corte di Cassazione [3] ha stabilito che il tasso di mora costituisce in effetti una parte integrante del Tegm e che, quindi, concorre alla somma del tasso. Il quale, però, dev’essere sempre inferiore al tasso di usura. Questo pronunciamento non tiene conto del fatto che i tassi di mora siano effettivamente applicati, o meno.

Che cosa fare se si determina l’usura bancaria sul mutuo

Se si avverte di essere stato vittima di usura bancaria sul mutuo e si vuole chiedere un risarcimento si deve, come prima cosa, presentare un reclamo formale alla banca per chiedere che vengano ricalcolati tutti gli interessi.

Vediamo, a questo punto, che cosa determina l’usura bancaria sui mutui.

Tassi d’interesse sul mutuo: Tan e Taeg

Il primo passo per sapere che cosa determina l’usura bancaria sul mutuo è capire che cosa si paga ogni mese alla banca. La rata del mutuo è composta da due elementi: la quota di capitale ricevuto in prestito da restituire ed il tasso di interesse applicato su quel capitale. Il tasso di interesse è dato dal Tan (Tasso annuo nominale) e dal Taeg (Tasso annuo effettivo globale). Il valore di queste due sigle combinate varia, principalmente, a seconda dell’istituto che concede il credito, dell’entità del mutuo, delle capacità economiche del richiedente e della durata del contratto. In ogni caso, se quel tasso di interesse – o uno solo dei due che lo compongono – supera la soglia stabilita dalla Banca d’Italia, si può essere di fronte ad un caso di usura bancaria.

Questo video dedicato a conto correnti con affidamento,anche in questo caso è possibile una verifica ed eventualmente un risarcimento

Usura sul mutuo: attenzione anche al Tegm

C’è un altro fattore che può determinare l’usura bancaria sul mutuo. Si tratta del Tegm, cioè del Tasso effettivo globale medio. Rappresenta il valore medio dell’operazione di credito e comprende anche gli oneri accessori del mutuo. Nel calcolo del Tegm vengono considerati questi elementi:

interessi corrispettivi
interessi di mora
assicurazione ed altre spese connesse al credito
estinzione anticipata
penale di estinzione anticipata e/o di risoluzione anticipata.

Un esempio: ci sono 5 banche che concedono il prestito. Una applica un tasso di interesse bancario con il Taeg al 10%, un’altra all’11%, e le altre al 12%, 13% e 14%. La somma di tutti questi valori è il 60%. Per ottenere il tasso medio, dividiamo questo valore per 5, quanti sono gli istituti di credito. Il risultato è 12%, che sarà il Tegm, cioè l’altro tasso che, se supera le soglie stabilite, può determinare l’usura bancaria.
Naturalmente, come detto prima, questo valore può cambiare nel singolo istituto bancario da cliente a cliente ed in base alle condizioni contrattuali alla stipula del mutuo: se si tratta di un lavoratore a tempo indeterminato oppure senza busta paga, se si mette sul tavolo la cessione del quinto, ecc.
Da ricordare, inoltre, che la rata del mutuo comporta in modo inversamente proporzionale la restituzione del capitale ed il pagamento degli interessi. Per farla semplice: se pago 500 euro di rata, nei primi mesi pagherò 150 euro di capitale e 350 euro di interessi (è un esempio, facciamo cifre tonde per una più facile comprensione). Verso la fine del mutuo starò già pagando 350 euro di capitale e 150 di interessi. E’ il cosiddetto metodo di rimborso alla francese nei prestiti (come il mutuo) che hanno una durata considerevole. La banca si tutela così dal rischio di insolvenza del cliente.

Quando si determina l’usura bancaria sui mutui?

Detto ciò, è più facile spiegare quando il cliente che chiede un mutuo si trova di fronte ad un tasso vantaggioso oppure ad un caso di usura bancaria. Il calcolo viene effettuato in base alla percentuale del Taeg/isc e del Tegm (ricordate il significato, vero?). Bene: se il Taeg ha una percentuale inferiore o, al massimo, pari al Tegm, il cliente si trova di fronte ad un tasso vantaggioso, perché in linea con quanto offerto sul mercato.
Viceversa, se il Taeg ha una percentuale superiore al Tegm, forse è il caso di cambiare banca: vuol dire che la media è stata superata.
Ci sono, però, due cose molto importanti da considerare quando si va a sottoscrivere un mutuo e si vuole evitare di cadere nella trappola dell’usura bancaria.
La prima: se, per qualsiasi motivo, si vuole accendere un mutuo a tasso fisso, conviene dare un’occhiata ai livelli di soglia già stabiliti. Nel senso: se la soglia massima del tasso di interesse è fissata al 5% e mi offrono un mutuo al 4,95% fisso per 10 anni (parliamo sempre di numeri esemplificativi), il tasso del mio mutuo diventerà usuraio non appena la Banca d’Italia abbasserà quella soglia al 4,85%. Conviene, quindi, trattare per ottenere un margine più ampio.
La seconda questione. Quando si parla di usura bancaria sui mutui non bisogna pensare soltanto ad un tasso di interesse stratosferico ma anche alla possibilità che una determinata banca applichi delle spese e delle commissioni esorbitanti sul finanziamento. Questo è un altro elemento importante che determina l’usura bancaria sui mutui.

Usura bancaria: il tasso di mora

Altro fattore da non trascurare per determinare l’usura bancaria sul mutuo è il tasso di mora, cioè l’interesse che mi viene applicato se non rispetto le scadenze dei pagamenti delle rate. La Corte di Cassazione ha stabilito che il tasso di mora costituisce in effetti una parte integrante del Tegm e che, quindi, concorre alla somma del tasso. Il quale, però, dev’essere sempre inferiore al tasso di usura. Questo pronunciamento non tiene conto del fatto che i tassi di mora siano effettivamente applicati, o meno.

Che cosa fare per determinare l’usura bancaria sul mutuo

In Italia non sono tantissimi di alto livello in questo campo,sicuramente fra questi vi consigliamo la grande competenza di DECIBA

www.deciba.it

L’associazione vi farà una pre analisi gratuita e senza impegno,successivamente se decidiamo di avere tutti gli interessi versati ci saranno dei costi da affrontare.

Pubblicato in Senza categoria | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

APRI IL PORTAFOGLIO 105 EURO A MONTE PASCHI SIENA

deciba_associazione_monte_paschi_banca_illeciti_bancari

Ogni italiano pagherà di tasca sua allo stato almeno 105 euro per fare in modo che una sola banca (il Monte dei Paschi di Siena) non fallisca, bambini compresi.
Basta infatti dividere i 6,4 miliardi che sborserà lo Stato per il numero degli abitanti italiani.

“Ormai siamo al delirio”

Queste le parole del Presidente DECIBA Dott.Gaetano Vilnò

Qualsiasi società privata non ha queste agevolazioni,se sbagli interviene l’ufficio delle entrate,Equitalia,creditori e prendono tutti i beni che hai in possesso.

In Italia se una società privata si chiama Banca e sbaglia a pagarne le conseguenze sono tutti gli Italiani compresi i bambini,una situazione insostenibile di Governi che da troppo tempo fanno favori alle grandi lobby trascurando il Popolo Italiano .

In questo video spiega “simpaticamente” l’ennesimo furto

Ancora una volta il Popolo Italiano è costretto in silenzio a subire regole e Leggi di un Governo non votato .

DIFFONDI L’INFORMAZIONE

Pubblicato in Senza categoria | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

DECIBA: ATTENZIONE BANCHE 2017 L’ANNO DEL RISARCIMENTO BANCARIO

risarcimento_banche_deciba_usura_anatocismo

A dare l’annuncio è l’associazione DECIBA,nel web vanta milioni di contatti e nel 2017 è pronta una vera e propria battaglia dell’informazione.

La Direzione DECIBA annuncia grandi novità,la presentazione I.A.D.E Software,l’importante intervista al sole 24 ore in programma a Gennaio 2017 ,e grandi collaborazioni con i siti e le pagine Facebook più grandi in Italia .

L’intento è fare arrivare la giusta informazione al grande pubblico,ogni giorno la banca paga risarcimenti,eppure nessuno né parla,DECIBA ha organizzato una rete di informazioni unica in Italia che permetterà a tutti di avere un punto di riferimento importante.

Le Banche hanno una rete di informazioni gigantesca,purtroppo per loro il web nel bene e nel male rimane un mezzo di informazione libero che permette a tutti noi di decidere cosa ricercare .

Il Presidente DECIBA Dott.Gaetano Vilnò annuncia grandi novità.

Anatocismo,usura,indeterminatezza,pubblicità ingannevole,tasso euribor falsificato non possono essere argomenti nascosti,tutti devono avere la possibilità di conoscere quale sia la reale forza giuridica che ognuno di noi ha .

Il 2017 sarà l’anno del risarcimento,sia i privati che le aziende si stanno evolvendo,le banche hanno un solo vantaggio,l’ignoranza,la paura,la scarsa informazione,davanti alla Legge le banche hanno vita dura .

Tutti devono avere questa possibilità,ecco cosa accade a chi controlla la propria banca



DECIBA la prima in Italia ad avere ottenuto risultati simili

Per controlli potete informavi

www.deciba.it
www.deciba-professional.it

Pubblicato in Senza categoria | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

QUANTO CI MANCANO I VECCHI “GRILLINI”

federico_pizzarotti_stipendio

Tanta tanto tanto tempo fa…..

Chi di noi non ricorda i Grillini (stile iena ) che andavo nelle amministrazioni comunali con telecamerina a filmare tutte le magagne,chi non ricorda quelle riunioni con il rifiuto della poltrona e il dimezzamento dello stipendio,vecchi ricordi.

Le contestazioni a Bepppe Grillo sono tante,ma un dato è certo,nessun grillino ha mollato la poltrona d’oro .

Oggi la gazzetta di Parma pubblica il reddito del Sindaco Federico Pizzarotti e consiglieri,il “Pizza” pare avere imparato bene il “mestiere” del politico,va in televisione,scrive libri,guadagna 60.000 mila Euro annui .

Niente di illegale è un suo diritto,non possiamo nascondere che qualcosa è cambiato,ogni giorno vediamo grillini in televisione e non si differenziano poi cosi tanto da altri politici .

parma_beppe_grillo_federico_pizzarotti

L’idea di Beppe Grillo era fantastica ma nella realtà dobbiamo fare i conti con persone che magari il mese prima erano disoccupati e il mese dopo si ritrovano a guadagnare 10 mila Euro .

Tutti si lamentano e nessuno molla

Dobbiamo necessariamente tenero conto dell’aspetto personale ed economico di essere scaraventati nel mondo d’oro della politica,persona normali,comuni che il giorno dopo si ritrovano senza aver fatto né gavetta né preparazione adeguata a fare il Sindaco o addirittura votare Leggi .

Quanto è importante l’onestà

Siamo tutti d’accordo,l’onestà è importantissima,ma forse la preparazione è altrettanto importante,sicuramente il Movimento 5 stelle ha smosso molto,ma non basta.

Nessun Grillino ha mollato la poltrona

La possiamo girare come vogliamo,possiamo dire che gli altri sono peggio,possiamo dire che gli altri sono ladri,possiamo dire tutto di tutto,ma se prendi la poltrona grazie a Beppe Grillo e il Movimento 5 stelle e non sei più d’accordo non la linea di partito,dovresti dimetterti e ripresentarti da solo.

Mollare la poltrona era difficile per i vecchi ma è ancora più difficile per i nuovi,tutti d’accordo con Beppe Grillo ma una volta preso il posticino tanto ambito qualcosa cambia.

Sentire il Sindaco Federico Pizzarotti dire ” Beppe Grillo ha promesso di chiedere l’inceneritore non io ” è al quanto ridicolo non credete ?

Su scala Nazionale anche i Parlamentari hanno fatto la stessa procedura dei vecchi politici,nessun dimesso,abbiamo solo visto cambi di casacca.

assesori_parma_stipendi

La considerazione è oggettiva e non polemica,noi possiamo fare tutte le regole del mondo,possiamo essere i più onesti del mondo,ma nei fatti pare esserci un nuovo partito con dinamiche vecchie di partito.

L’assenteismo è in continuo aumento,il dato del referendum ci ha fatto riflette,gli Italiani ci sono è votano,probabilmente non hanno più interesse nell’attuale politica e sono delusi anche dal Movimento 5 stelle .

A nostro parere solo il Movimento può permettersi di fare una regola precisa,se non sei d’accordo con il “capo politico ” ti dimetti e ti ripresenterai da solo,troppo facile fare i contestatori dopo.

Beppe Grillo e Casaleggio (pace all’anima sua ) hanno fatto errori di valutazione,hanno sbattuto fuori quelli di sani di principi e hanno tenuto in casa persone che avevano solo l’intenzione di fare i politici.

Oggi il Movimento ha messo regole diverse,a nostro parere è necessario valutare oltre all’onestà,anche la preparazione di chi si presenta.

Detto questo… quanto ci mancano i “vecchi grillini” ….

fuori_usciti_movimento_5_stelle

Da inizio legislatura in 37 hanno lasciato il movimento. Otto sono finiti in gruppi di maggioranza. Ultimo in ordine di tempo Sebastiano Barbanti, che dopo un soggiorno al Misto, sbarca nel gruppo Partito democratico di Montecitorio.

Nella legislatura finora più “ballerina” della storia repubblicana, ha fatto discutere la proposta del Movimento 5 stelle di multare i membri che decidono di cambiare gruppo. Ma che fine hanno fatto gli eletti tra le fila di grillo che hanno abbandonato il movimento?

Ad oggi sono 37 (18 alla camera e 19 al senato) i parlamentari che dopo le politiche del 2013 hanno deciso che il M5s non faceva più per loro. Otto sono finiti in partiti che fanno parte della maggioranza di governo. Ultimo in ordine di tempo Sebastiano Barbanti, passato in settimana nel Partito democratico, dove ha raggiunto Alessio Tacconi, Tomasso Currò, Gessica Rostellato e Paola Pinna. Come loro, ma in gruppo di maggioranza al senato, anche Luis Alberto Orellana, Lorenzo Battista (in Aut-Psi-Maie) e Fabiola Anitori (Area popolare).

Non apertamente in maggioranza, ma in gruppi considerati “di trincea”, sono finiti invece Adele Gambaro (ora con i verdiniani di Al-a), Paola De Pin, Monica Casaletto e Bartolomeo Pepe, tutti e tre con Grandi autonomie e libertà. Principale casa dei fuoriusciti grillini è il gruppo Misto, che alla camera e al senato conta rispettivamente 11 e 12 parlamentari eletti con il Movimento 5 stelle.

Gli unici che ora fanno parte di gruppi all’opposizione da inizio legislatura ma in parti opposte dello spettro politico sono: Adriano Zaccagnini, che a Montecitorio è ora iscritto a Sinistra italiana – Sinistra ecologia e libertà; e Walter Rizzetto, entrato recentemente in Fratelli d’Italia – Alleanza nazionale.

Pubblicato in Senza categoria | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

INDETERMINATEZZA MUTUI LA BANCA RISARCISCE

mutuo_banca_risarcimento

Si parla spesso di Usura Bancaria ma gli illeciti sono tantissimi

” se il POPOLO avesse la cultura di difendersi contro le banche il sistema economico cambierebbe domani ”

Parole del Presidente DECIBA Gaetano Vilnò

Se l’indicatore TAEG o Isc se non corrisponde alla realtà la banca dovrà restituire 2/3 circa degli interessi versati,parliamo di milioni di Euro .

L’associazione DECIBA gratuitamente offre l’opportunità di una prenatisi gratuita .

www.deciba.it

Indeterminatezza del tasso dei contratti di finanziamento
Una breve riflessione sulle cause di indeterminatezza del tasso che possono di di per sé condurre alla nullità della clausola interessi ed alla conseguente applicazione di un tasso sostitutivo.
Un ‘analisi esaustiva di un contratto di finanziamento ( sia esso un mutuo, un finanziamento alle imprese, un credito personale, un contratto di leasing o qualunque altra forma di credito che preveda il rimborso secondo un piano rateale) dovrebbe prevedere non soltanto la verifica di conformità alle disposizioni “ anti usura”(L 108/1996) ma anche la valutazione, spesso trascurata, di ulteriori illegittimità che possiamo riferire in termini generali come profili di indeterminatezza del tasso e che possono di per sé condurre alla nullità della clausola interessi ed alla conseguente applicazione di un tasso sostitutivo.
La pattuizione delle condizioni economiche che regolano un contratto di finanziamento è in primo luogo, disciplinata da alcune norme di carattere generale stabilite dal Codice Civile, tra cui l’art. 1346 c.c. che testualmente recita: “ L’oggetto del contratto che deve essere possibile, lecito, determinato o determinabile”
Con più specifico riferimento ad obbligazioni che prevedano la corresponsione di interessi su un capitale finanziato, interviene l’art. 1284 c.c. che stabilisce che gli “ interessi superiori alla misura legale devono essere determinati per iscritto”e definisce le conseguenze da applicarsi in caso di violazione di tale principio, ovvero che gli interessi non convenuti per iscritto o di cui le parti non hanno determinato la misura sono dovuti nella misura legale.

Pubblicato in Senza categoria | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

MAZZATA PER LA BANCA MUTUO IN USURA TRIBUNALE BLOCCA IL PIGNORAMENTO

regali-di-natale-usura_mutuo_deciba_tribunale_massimi_esperti_diritto_bancario

Presidente DECIBA ” fatevi un regalo di Natale ” controllate la vostra banca

La Banca ti vuol vende la casa perché non paghi il mutuo: puoi fermarla.

Tanti cittadini in difficoltà economica, non riuscendo a pagare le rate del mutuo, hanno visto la propria casa venduta all’asta per iniziativa delle banche; ma non tutti si sono rassegnati a subire quella che spesso è una vera e propria ingiustizia.
Molti hanno deciso di opporsi alle procedure esecutive, contestando l’usurarietà dei muti; ed in tantissimi casi i tribunali hanno accolto i ricorsi sospendendo le vendite immobiliari.
La giurisprudenza prevalente dei vari tribunali è orientata a ravvisare l’usurarietà del mutuo se il “tasso di mora” (quello che si applica nel caso in cui il cliente della banca sia in ritardo nel pagamento delle rate), supera il “tasso soglia usura” (da calcolarsi prendendo a riferimento i vari decreti ministeriali che riportano i dati raccolti dalla Banca d’Italia); comprendendo nei calcoli per la verifica dei tassi anche tutti gli oneri e le spese applicate dalla banca al cliente, compreso l’eventuale penale di estinzione anticipata.
Effettuando correttamente i conteggi, in molti casi si scopre che tantissimi mutui all’apparenza “regolari”, in realtà nascondono tassi usurai; ed è basandosi su perizie che evidenziano contabilmente l’irregolarità dei tassi che giudici di tantissimi tribunali hanno bloccato
Le banche non si sono certo arrese alle centinaia di ordinanze di sospensione emesse dai giudici delle esecuzioni, reclamandole avanti i competenti Collegi (organi composti da tre giudici chiamati a valutare la correttezza delle decisioni dei giudici delle esecuzioni); ma la gran parte dei reclami viene respinta, confermando il “blocco” della vendita delle case degli ex clienti delle banche.
In questo panorama positivo non mancano tribunali o singoli giudici che si discostano dalla giurisprudenza prevalente, tuttavia la possibilità di fermare la vendita della propria casa da parte delle banche è tutt’altro che un’ipotesi remota, come dimostra anche la recente Ordinanza 29 agosto 2016 del Tribunale di Bari.

deciba_sentenza_usura

Pubblicato in Senza categoria | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Presidente DECIBA Gaetano Vilnò Banche come “passare da controllati a controllori 3 chiavi da conoscere “

Le tre regole. Come risolvere ogni problema

Le tre regole. Come risolvere ogni problema

Le banche ormai controllano la nostra esistenza,uno dei massimi esperti in questa materia il Presidente Deciba Dott.Gaetano Vilnò mi svela tre semplici regole .

1° PASSAGGIO

deciba_banche_curiosita

Un passaggio fondamentale per andare avanti è la curiosità,la voglia di informarsi e diventare consapevoli di cosa è possibile e di cosa no farà la differenza fra un successo e un insuccesso.
Dobbiamo necessariamente affidarci alla nostra curiosità,dobbiamo capire come attaccare la banca e con quali strumenti. Il proprio legale o commercialista non è necessariamente esperto in matematica finanziaria,peggio ancora,chiedere al proprio consulente bancario se è possibile controllare il proprio conto corrente,mutuo,leasing .
Art.1815 Legge 108/96 questi i termini di legge che stabiliscono il reato di Usura,in questo caso la banca dovrà restituire tutti gli interessi versati .
Possiamo parlare anche dell’incauta vendita di diamanti,azioni,obbligazioni subordinate,che attraverso un raggiro di normative le fanno passare come consulenza e non come un vero prodotto finanziario .
Informarsi,questa è l’unica soluzione,decidere il proprio professionista e partire .

2° PASSAGGIO

preanalisi_conto_corrente_deciba_gaetano_vilno

Una volta scelto il professionista di fiducia dobbiamo procedere ad un accertamento,questo passaggio ci permette di capire se vale la pena o meno di aprire una trattativa con la banca.
Possiamo controllare il conto corrente,Mutuo,leasing,prestiti,teniamo presente che la banca deve rispettare la Legge come qualsiasi altra azienda,se sbaglia ,paga . In Italia ci sono molte proposte di professionisti di vario tipo,noi abbiamo selezionato quelli che a nostro parere sono adeguatamente preparati per informazioni www.deciba.it

3 PASSAGGIO

risarcimento_banca_usura_deciba_diritto_bancario

Una volta stabilito il reato o illecito si inizia una procedura di transazione con la Banca,questa fase necessita di perizia e relazione legale,questo servizio è a pagamento. Solitamente in ragione dei risultati si decide se andare avanti o fermarsi. La banca in questa fase non può chiudervi il conto e fare manovre strane,se o facesse rischia un reato penale,ricatto .Una volta arrivati alla mediazione ci sono due possibilità,la banca paga la banca non paga,nel secondo caso portiamo davanti al Giudice il caso. Per la Banca è molto rischiosa la seconda fase,non solo può perdere ma anche pagare i danni che arrivano fino al doppio della richiesta stessa .Solitamente la banca vince per la paura del dubbio del giudizio,davanti alla Legge la banca diventa come qualsiasi azienda Italiana.

Vale la pena informarsi

www.deciba.it
wwww.deciba-professional.it

Pubblicato in Senza categoria | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Mutuo in Usura : Art.1815 Se sono convenuti interessi usurari la clausola è nulla e non sono dovuti interessi

mutuo_usura_normativa_deciba_controllo

Ignoranza Ignoranza Ignoranza ,questa la più grande forza delle banche e delle lobby in generale,spesso la paura e i dubbi devono essere risolti con una semplice PILLOLA
L’INFORMAZIONE .

In collaborazione con DECIBA (www.deciba.it) vi invitiamo a leggere e divulgare questa informazione,probabilmente alla fine della lettura avrai la voglia di controlla il tuo rapporto bancario,precisiamo che è possibile verificare sia conto correnti affidati sia mutui sia leasing

La Pre analisi del mutuo è gratuita per i soli privati
Info:Email financialsolution@libero.it 0521/241417 www.deciba.it

ORA LEGGI E DIFFONDI L’INFORMAZIONE

L’attuale legge “anti-usura” : n° 108 del 7 marzo 1996 ( in vigore a tutti gli effetti il 3/4/1997) sostituisce definitivamente gli artt.644 e 644 bis del cod. pen. ( riguardanti rispettivamente l’usura vera e propria e quella impropria: la prima quando l’usurato versa in stato di bisogno e l’altra quando l’usurato svolge attività imprenditoriale o professionale e si trova in condizioni di difficoltà economiche – finanziarie.

L’art.1 della predetta legge è il seguente:

Chiunque si fa dare o promettere, sotto qualsiasi forma, per sé o per altri, in corrispettivo di una prestazione di denaro o di altra utilità, interessi o altri vantaggi usurari, è punito con la reclusione da uno a sei anni e con la multa da lire sei milioni a lire trenta milioni.
Alla stesse pena soggiace chi, fuori del caso di concorso nel delitto previsto dal primo comma, procura a taluno una somma di denaro o altra utilità facendo dare o promettere, a sé o ad altri, per la mediazione, un compenso usurario.
La legge stabilisce il limite oltre il quale gli interessi sono sempre usurari. Sono altresì usurari gli interessi, anche se inferiori a tale limite, e gli altri vantaggi o compensi che, avuto riguardo alle concrete modalità del fatto e al tasso medio praticato per operazioni similari, risultano comunque sproporzionati rispetto alla prestazione di denaro o di altra utilità, ovvero all’opera di mediazione, quando chi li ha dati o promessi si trova in condizioni di difficoltà economica e finanziaria.
Per la determinazione del tasso di interesse usurario si tiene conto delle commissioni, remunerazioni a qualsiasi titolo e delle spese, escluse quelle per imposte e tasse, collegate alla erogazione del credito.

risarcimento-danni-mutuo_usura_deciba

Le pene per i fatti di cui al primo e secondo comma sono aumentate da un terzo alla metà: (1) se il colpevole ha agito nell’esercizio di un’attività professionale, bancaria o di intermediazione finanziaria mobiliare, (2) se il colpevole ha richiesto in garanzia partecipazioni in quote societarie o aziendali o proprietà immobiliari; (3) se il reato è commesso in danno di chi si trova in stato di bisogno; (4) se il reato è commesso in danno di chi svolge attività imprenditoriale, professionale o artigianale; (5) se il reato è commesso da persona sottoposta con provvedimento definitivo alla misura di prevenzione della sorveglianza speciale durante il periodo previsto di applicazione e fino a tre anni dal momento in cui è cessata l’esecuzione.
Nel caso di condanna o di applicazione di pena ai sensi dell’art.444 CPP, per uno dei delitti di cui al presente articolo, è sempre ordinata la confisca dei beni che costituiscono prezzo o profitto del reato ovvero di somme di denaro, beni e utilità di cui il reo ha la disponibilità anche per interposta persona per un importo pari al valore degli interessi o degli altri vantaggi o compensi usurari, salvi i diritti della persona offesa dal reato alle restituzioni e al risarcimento dei danni.

Se hai ancora dei dubbi guarda questo interessante video per capire la “forza del dubbio”

Le novità sostanziali introdotte dalla predetta legge consistono:

deciba_associazione_legge_usura_risarcimento

1) Nel considerare lo stato di bisogno o di difficoltà economico-finanziaria non più necessarie per la configurazione del reato di usura, bensì quali aggravanti del reato stesso. (art.1).

2) Nel determinare (art.2) un limite di tasso oltre il quale gli interessi sono sempre usurari: “tasso medio risultante dall’ultima rilevazione pubblicata nella G.U., relativamente alla categoria di operazioni in cui il credito è compreso, aumentato della metà”.

La predetta rilevazione, effettuata trimestralmente dal Ministero del tesoro, sentiti la Banca d’Italia e l’Ufficio Italiano dei Cambi (UIC),

individua il tasso effettivo globale medio annuo (comprensivo di commissioni, remunerazioni a qualsiasi titolo e spese, escluse solo quelle per imposte e tasse) applicato da banche e società finanziarie nel trimestre precedente;
tiene conto della variazione del tasso ufficiale di sconto (T.U.S.) correggendo i predetti valori;
comporta la classificazione per categorie di operazioni omogenee in base alla natura, oggetto, importo, durata, rischi e garanzie delle operazioni;
prevede la pubblicazione sulla G.U. dei tassi medi rilevati.

legge_usura_deciba_mutuo

Dispositivo dell’art. 1815 Codice Civile

Codice Civile → LIBRO QUARTO – Delle obbligazioni → Titolo III – Dei singoli contratti (artt. 1470-1986) → Capo XV – Del mutuo
Salvo diversa volontà delle parti il mutuatario deve corrispondere gli interessi al mutuante Per la determinazione degli interessi si osservano le disposizioni dell’articolo 1284.

Se sono convenuti interessi usurari la clausola è nulla e non sono dovuti interessi

Ora non ti resta che attivare un’accertamento

CREATOR: gd-jpeg v1.0 (using IJG JPEG v62), quality = 90

CREATOR: gd-jpeg v1.0 (using IJG JPEG v62), quality = 90

Pubblicato in Senza categoria | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento