Anonymous attacca il Ministero degli Esteri

antisec_anonymous_ministro_esteri

Anonymous attacca il Ministero degli Esteri, pubblica email e password

Un gruppo hacker che si fa chiamare AntiSec ha pubblicato dei file Excel della Farnesina con rendiconti dei funzionati e dei ministri
20 Giugno 2017 – Dopo l’attacco subito nei mesi precedenti dagli hacker russi, il Ministero degli Esteri italiano è stato preso di mira nuovamente dai pirati informatici. Questa volta i protagonisti dell’attacco sono i ragazzi del gruppo hacker AntiSec, vicino alle posizioni di Anonymous, che ha pubblicato sul proprio blog una parte del materiale trafugato dai server della Farnesina.
È ancora presto per capire come gli hacker siano riusciti a infiltrarsi nei server del Ministero degli Affari Esteri, ma da una prima analisi sembra che abbiano sfruttato alcune falle di Joomla. I documenti pubblicati dal gruppo AntiSec riguardano principalmente file Excel con i rendiconti dei funzionari e probabilmente anche degli ultimi ministri che si sono succeduti alla Farnesina. Inoltre, gli hacker hanno reso pubblici anche password ed e-mail dei dipendenti del Ministero degli Esteri. I primi studi effettuati sui documenti sembrerebbero confermare la veridicità dei file.
Contro un sistema corrotto
Nel post pubblicato sul loro blog, il gruppo AntiSec spiega anche i motivi dell’attacco: l’obiettivo è far conoscere a tutti le spese del Ministero degli Esteri. Il messaggio è indirizzato ad Angelino Alfano, attuale ministro degli Esteri ed Eugenio Albamonte, presidente dell’Associazione Nazionale Magistrati. Secondo il gruppo hacker, il Ministro e il PM farebbero parte delle persone responsabili del declino italiano. Il messaggio si conclude con la classica frase “Non ci fermeremo mai”. E gli hacker avvertono di avere altro materiale che sarà pubblicato prossimamente, sempre sul loro blog.

Pubblicato in Senza categoria | Contrassegnato , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

PRIMA IN ITALIA SENTENZA EPOCALE MUTUO USURAIO DIVENTA GRATUITO

deciba_usura_mutuo_viterbo

Montefiascone – Storica sentenza del tribunale civile di Viterbo. E’ la prima sentenza nella Tuscia e la prima in Italia che dà ragione a un’azienda, condannando una banca alla completa gratuità di un mutuo acceso a condizioni usurarie e al rimborso degli interessi indebitamente pagati.

Protagonista della vicenda una ditta di Montefiascone, che in appena due anni, considerando i tempi della giustizia, è riuscito ieri a chiudere il processo. “Un processo per il quale il giudice Fiorella Scarpati – spiega il legale – non ha nemmeno disposto la ctu, la consulenza tecnica d’ufficio, non ritenendola necessaria, accorciando così ulteriormente i tempi della sentenza”.

Il mutuo, per un importo di 150mila euro, è stato stipulato il 31 luglio 2014. “La gratuità deriva dall’articolo 1815 del codice civile, secondo il quale le clausole sono nulle, se il tasso è usurario. Ebbene, in questo caso le condizioni sono risultate palesemente usurarie. In futuro la ditta dovrà versare solo il capitale delle singole rate, senza interessi”.

Video Tutorial dove spiega come controllare la regolarità del Mutuo

Ma non solo. “Considerato che secondo quanto allegato all’udienza di discussione dalla banca – si legge nella sentenza – il mutuatario aveva restituito 28 rate per l’importo di 63.199,62 euro e che in base alla dichiarata gratuità del mutuo la somma già versata coprirebbe 35 rate (62.501,25 euro), nonché una parte della rata 36, ciò comporta che gli stessi dovranno ricominciare a pagare, se non ancora scaduta, la somma di € 698,37 a valere sulla rata 36 e quindi le successive rate per l’importo di 1.785,75 euro ciascuna”.

Una sentenza che, apre la strada a una valanga di ricorsi: “sette contratti su dieci di mutui, leasing e finanziarie sono a tassi usurari secondo l’analisi deciba www.deciba.it . Per questo la sentenza di è destinata a entrare nella storia e fare giurisprudenza a livello nazionale. La fattispecie investe gli interessi dei consumatori, non essendo un caso isolato ma trovando tale vizio in moltissimi contratti”.

“Con tale strumento, su tesi che porto avanti da anni, si salvano aziende e famiglie. In questo momento non è poco”,

La raccomandazione è di rivolersi ad esperti in materia,state attenti a false promesse o professionisti improvvisati.

Il Presidente DECIBA Dott.Gaetano Vilnò commenta

Da anni otteniamo grandi risultati ,questa sentenza conferma ciò che da sempre diciamo,con un buon lavoro portiamo a casa il risultato. Fate controllare il vostro rapporto bancario .

Ulteriori informazioni www.deciba.it

Pubblicato in Senza categoria | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

GIANMARIO BERTOLLO RADIATO DA CONSOB

gianmario_bertollo_legge_radiato_consob_deborah_betti_sdl

Delibera n. 17939

Radiazione del sig. Gianmario Bertollo dall’albo unico dei promotori finanziari

LA COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETA’ E LA BORSA

VISTA la legge 7 giugno 1974, n. 216;

VISTO il decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58;

VISTO il regolamento adottato con propria delibera n. 16190 del 29 ottobre 2007 e successive modificazioni;

VISTO il regolamento di attuazione degli articoli 2, comma 2, e 4 della legge 7 agosto 1990, n. 241, concernente la determinazione dei termini di conclusione e delle unità organizzative responsabili dei procedimenti della Consob, adottato con propria delibera n. 12697 del 2 agosto 2000 e successive modificazioni;

VISTA la propria delibera n. 15086 del 21 giugno 2005, recante disposizioni organizzative e procedurali relative all’applicazione di sanzioni amministrative, e successive modificazioni

http://www.consob.it/main/documenti/hide/interdittivi/radiazione_pro/2011/d17939.htm

Dal discusso blog deborah Betti ex consulente SDL CENTRO STUDI diffama il Presidente DECIBA,abbiamo già affrontato il personaggio Betti

http://www.movimentorevolution.it/?p=4649

Il Sig.Gianmario Bertollo è stato Radiato da CONSOB e stato messo alla porta da SDL CENTRO STUDI e ha tentato di proporre una collaborazione con DECIBA . Naturalmente DECIBA ha rifiutato e probabilmente non è stata presa molto bene,ora è scattata una denuncia per diffamazione e probabilmente avrà altri problemi .

Ora lo troviamo in “rete” con una società e video che potete commentare da soli

STEPS 30S FEB 2017

Sperando abbia la preparazione per salvare le aziende è importante sapere quale sia il suo Curriculum,nel Blog di Deborah Betti sono molto frequenti ex collaboratori di società o persone messe alla porta anche per gravi motivi,probabilmente la blogger vuole creare una valvola di sfogo per ex clienti scontenti e ex collaboratori di società,chissà se a sua volta ci sarà anche un’attività di business…. le prime ricerche parlano chiaro,la maggior parte dei “contestatori” hanno società commerciali che operano nello stesso campo .

Fabio Misuraca allontanato da DECIBA per gravi motivi,successivamente sempre nel Blog di Deborah Betti ha minacciato di Morte sia DECIBA che i collaborati dell’associazione,successivamente denunciato. Il fatto che ha aperto riflessione è che la blogger Deborah Betti abbiamo messo il “MI PIACE” sulla minaccia di morte. La “furba” blogger successivamente ha negato tutto,purtroppo per lei è stato tutto registrato .

REGISTRAZIONE VIDEO MINACCIA

Il Mondo è pieno di furbetti,nel web possiamo trovare di tutto,noi da 10 anni siamo presenti come sito,il nostro intento è quello di sgamare sia le truffe e sia i falsi profeti,anche in questo caso la registrazione dell’incontro di proposta a DECIBA del Sig.Gianmario Bertollo è stata registrata .

ECCO CHI HA DIFFAMATO DECIBA ,QUESTO SIGNORE,A VOI LE CONSIDERAZIONI DEL CASO .

Pubblicato in Senza categoria | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

PARMA AMMINISTRATIVE VINCE LA LEGA NORD ?

laura_cavandoli_lega_nord_amministrative_parma

Enrico Mentana è stato il primo a fare questa ipotesi,al ballottaggio potrebbero esserci Lega Nord con la Candidata Laura Cavandoli e il Sindaco uscente Federico Pizzarotti ex grillino.
La Lega Nord a Parma è partita in svantaggio,i sondaggi ad inizio campagna elettorale erano al 6% ora sondaggi interni parlano del 18%. Probabilmente questa crescita è dovuta sia al degrado oggettivo,sia alle promesse non mantenute del ex grillino . Federico Pizzarotti in questi 5 anni di Sindaco ha imparato il “politichese” scrive libri,fa interviste e ospitate in televisioni Nazionali ed non parla più di Inceneritore e ambiente. Sicuramente ha perso quella ingenuità politica che tutti noi abbiamo amato,ora si parla di EFFETTOPARMA o EFFETTOITALIA ,la strada politica sembra non la voglia più mollare . Inizialmente il candidato più forte per opporsi al Sindaco uscente era Paolo Scarpa del PD,strada facendo non sembra essere così carismatico da andare al ballottaggio .

L’onda crescente della Lega Nord a Parma potrebbe essere una sorpresa per molti,attualmente anche su scala Nazionale il Leader indiscusso del Centro Destra è Matteo Salvini,probabilmente questa influenza si sentirà anche a livello locale .

sondaggio_parma_carlotta_maru_lega_nord

Sacchetti gialli,spaccio di droga in ogni angolo della città ,promesse non mantenute non favoriscono Pizzarotti,se pur bravissimo nel parlare ci sono fatti che ogni giorno tutti vedono .

Questo titolo non è assurdo,Domenica 11 Giugno 2017 si vota a nostro parere ci saranno delle sorprese

Intanto in rete ci sono molti che evidenziano i problemi di Parma .

Vedere oggi Federico Pizzarotti è simile alla vecchia politica,arroganza e qualche imprecisione nel descrivere ciò che ha fatto è evidente,vediamo i Parmigiani come affronteranno queste Amministrative.

Beppe Grillo? Crediamo abbia messo nel dimenticatoio il Grillo,sono molti a parlare dell’amicizia PD+PIZZAROTTI,lui stesso dichiara di essere stato vicino sia ai Radicali sia a rifondazione,l’una strada percorribile sembra essere proprio il tanto odiato PD.

Se vincerà Pizzarotti il Movimento 5 stelle prenderà uno schiaffo morale in caso contrario farà il consigliere e tornerà al suo lavoro come forse è giusto che sia .

Vedremo a Lunedì

Pubblicato in Senza categoria | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

DEBORAH BETTI HA MENTITO LE PROVE

deborah_betti_blogger_deciba

FOTO MESSA IN RETE DA DEBORA BETTI

Abbiamo già parlato del personaggio Debby e la sua cricca,in questo articolo testimonia con documenti e foto il fatto che non ha mai messo “IL MI PIACE ” alla minaccia di morte

Abbiamo monitorato il Blog e La pagina FB,La Blogger utilizza una tecnica ben conosciuta a chi si occupa di marketing,allega documenti e ci costruisce una storia che non ha nulla a che fare con la realtà,questo metodo permette di avere una pseudo credibilità a chi non fa approfondimenti .

La Blogger ha un’impronta di scrittura aggressiva,questo solitamente provoca commenti con orientamento all’odio,infatti,osservando sia il suo profilo personale che lo stesso Blog l’orientamento è quello descritto.

La tecnica è semplice, si crea un’imbuto comunicativo,basta prendere una categoria di persone con determinati problemi e dargli una fonte di sfogo,questa tecnica purtroppo viene utilizzata anche in fatti più gravi vi ricordate WANNA MARCHI ? Sicuramente rende l’idea della tecnica utilizzata,persone deboli psicologicamente dove qualcuno gli dava una soluzione.Queste persone solitamente si AUTOPROCLAMANO difensori o salvatori,quello che provocano sono veri e propri ADEPTI. I principali commenti sono di ex collaboratori di SDL CENTRO STUDI e lo potete verificare tale Fausto Mearini,Gianmario Bertollo,(entrambi sono stati allontanati per cause anche abbastanza gravi) spesso sono loro che commentano e beffeggiano,analizzando troviamo ex Clienti SDL CENTRO STUDI,anche in questo caso vedono in Deborah Betti una “salvatrice” che in qualche modo troverà una soluzione al loro malcontento. Si è creata una piccola organizzazione di “nuovi consulenti” e clienti scontenti,probabilmente questa aggregazione a qualcuno crea anche mercato. Un Commentatore fedele è il Sig.Antonio Russo,Psudo perito e consulente di IWBANK,anche in questo caso il metodo è lo stesso,Deborah Betti fa l’articolo,lo manda ad una mail list e i fedeli iniziano a beffeggiare i malcapitati dell’articolo.
Inizialmente alla “disgrazia giuridica” della Sig.ra Betti si sono avvicinate molte associazioni,oggi molti sembrano avere prese le distanze. La Blogger essendo una “esperta” in web marketing (lei dice) sà perfettamente che più è forte e notiziabile l’articolo e più attenzione e rabbia avrà dai suoi fans,purtroppo ha superato i limiti tanto da fare arrivare sia SDL CENTRO STUDI sia DECIBA ad una denuncia penale . Entrambi hanno chiesto un provvedimento di Urgenza ART.700,in poche parole si richiede al Giudice di accellerare al fine di cancellare minacce e diffamazione,Il Tribunale Di Milano ha deciso che non cè urgenza e si passa alla normale procedura legale .

Quando si superano i limiti accade sempre qualcosa di grave,infatti,dopo l’ennesimo articolo aggressivo Tale Fabio Misuraca commenta con una MINACCIA DI MORTE un’articolo di Deborah Betti . Come è stato descritto prima anche in questo caso si tratta di un ex collaboratore.

Il Matto di turno lo possiamo trovare i Leoni da Tastiera sono sempre presenti in tutti i commenti ma qualcosa di strano è accaduto,la Sig.ra Deborah Betti ha messo “IL MI PIACE” alla minaccia di MORTE.Mettere un mi piace corrispondere ad un vero E PROPRIO “consenso”,parlare di libertà e giustizia e acconsentire ad una MINACCIA DI MORTE è molto pericoloso . La minaccia può essere anche compresa,un momento di sfogo,un momento di rabbia,infatti poi non ha continuato,ma Deborah Betti che si definisce “cittadina libera” a difesa della Giustizia ?

Conoscendo l’astuta metodologia utilizzata dalla blogger abbiamo monitorato e registrato tutto, la Deborah Betti fa un video dichiarando “non ho mai messo il mi piace alla minaccia di morte” costruendo l’ennesimo articolo fazioso e addirittura fotografando un immagine che nulla a che fare con il “MI PIACE” ,furbescamente prova ad ingannare per l’ennesima volta i sui pochi fans mettendo un suo commento,basta guardare sotto il post di minaccia per verificare i 4 “mi piace”,uno di quelli è proprio firmato Deborah Betti

Come spesso accade chi si crede troppo furbo cade in errori,abbiamo registrato il suo “MI PIACE ”


FOTO VERA CHE DIMOSTRA IL SUO “MI PIACE”

deborah_betti_deciba_gaetano_vilno_minaccia_

Questo vuole essere solo un’esempio di quanto le persone possano sembrare oneste e sincere,con viso quasi ingenuo dichiara “NON HO MAI MESSO IL MI PIACE”

La Blogger è stata denunciata penalmente,probabilmente davanti al Giudice sarà più difficile mentire.

Non sappiamo cosa effettivamente passi per la testa a questa signora,sicuramente vediamo dolore e sofferenza,l’odio traspare sia nei suoi articoli sia nelle persone che la seguono,moralmente la perdoniamo,comprendiamo le sfortune che ha avuto ma questo non deve essere motivo di aggressione ad altri esseri umani .

L’associazione DECIBA non si è espressa,il loro nemico sono le banche e le lobby,l’unica cosa che auguriamo e che guarisca dal suo Odio e utilizzi le proprie energie per i veri nemici .

Attendiamo che la Legge faccia il suo percorso e lasciamo la Sig.ra Betti nel suo mondo .

IL VIDEOPROVA CHE DIMOSTRA IL “MI PIACE” ALLA MINACCIA DI MORTE DI DEBORA BETTI

Abbiamo segnalazioni ed email dove in nome della Giustizia la Blogger invita a denunciare,fatelo se ritenete di essere stati lesi ma state attenti,a non cadere nella diffamazione i Giudici sono qualcosa di diverso di un’articolo .

http://www.deborahbetti.it/d-e-c-i-ba-gaetano-vilno-verso-deborahbetti-it/

Pubblicato in Senza categoria | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

FISCO: ANNULLARE LE CARTELLE EQUITALIA VADEMECUM

deciba_ricorso_equitalia_annullare

Fisco: il vademecum per annullare le cartelle Equitalia
Quando è possibile cancellare o annullare parzialmente una cartella Equitalia

Calcoli errati degli interessi e anatocismo su aggio o rate. Sono i principali motivi che rendono cancellabile o parzialmente annullabile una cartella esattoriale di Equitalia, errori o sulle irregolarità dei conteggi delle somme iscritte a ruolo dall’agente della riscossione.

Il Presidente D.E.C.I.BA spiega come difendersi attraverso la Legge .

Quando i calcoli di Equitalia sono a rischio di annullamento o quando è possibile una verifica volta a ridefinire il debito fiscale a carico delle aziende e delle famiglie.La cartella di Equitalia è un atto che viene inviato ai contribuenti per la riscossione dei crediti su incarico degli enti creditori. L’importo richiesto nella cartella viene maggiorato di interessi e sanzioni, a seconda del momento in cui essa viene pagata o in base al rateizzo che è stato richiesto. Ci sono però dei casi in cui vengono poste questioni sulla legittimità delle suddette cartelle.

La prima questione riguarda gli interessi di mora che vengono aggiunti all’importo totale, poiché non sono chiari i criteri di calcolo di quest’ultimi. L’importo che viene richiesto a titolo di interessi di mora, infatti, non ha alcuna specifica su come sia stato calcolato né tantomeno sulle aliquote applicate, ma viene riportata solamente la cifra totale. La Corte di cassazione civile con la sentenza 4516 del 21 marzo 2012 ha affermato che non è il contribuente che deve compiere difficili indagini per decifrare un calcolo degli interessi incomprensibile. Pertanto, le cartelle che non specificano il conteggio degli interessi e le aliquote applicate sono da considerarsi ‘nulle’.

Un’altra questione di legittimità delle cartelle riguarda l’anatocismo. Che è regolato dall’articolo 1283 del codice civile e consiste nell’applicare interessi su altri interessi. Si tratta di una pratica vietata. In questo caso vengono considerati illegittimi le aliquote e gli interessi applicati su altri interessi e sanzioni. Tre i casi di anatocismo che riguardano le cartelle di Equitalia: interessi di mora, aggio, dilazione. In tutti questi casi vengono applicati degli interessi su basi di calcolo già comprendenti altri interessi. Ne consegue che tutte le cartelle, trascorsi 60 giorni dalla notifica, sono anatocistiche. Per eliminare questo effetto e recuperare le somme non dovute, occorre ricalcolare gli interessi di mora, l’aggio e gli interessi di dilazione solo ed esclusivamente sulla base del tributo.

“Per evitare di pagare più del dovuto, è sempre opportuno un controllo perché almeno una parte del debito preteso dall’agente della riscossione potrebbe essere illegittima”

Ulteriori Informazioni www.dicie.it www.deciba.it

Pubblicato in Senza categoria | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

crealognetwork ma chi sono ?

crealognetwork_usura_bancaria_commenti

Parliamo da tempo di Banche,ci viene segnalata questa società che sponsorizza nel web il servizio di “diritto bancario ” Ci viene segnalato che non vengono menzionati né i professionisti né un numero di telefono,stiamo attenti,l’argomento del Diritto Bancario è molto complesso,in Italia chi ottiene risultati sono ancora troppo pochi.

Vi consigliamo questo video che vi farà fare sicuramente riflessioni

Riportiamo fedelmente il testo del sito

http://www.crealognetwork.com/it/chi-siamo

Siamo consulenti commerciali specializzati dal 2002 nel settore marketing evoluto e con il nostro lavoro e professionalità portiamo ogni giorno nuovi clienti per ogni tipo di Impresa.
Dal 2002 siamo nel settore delle tecnologie web marketing Google e Facebook che utilizziamo come base in modo efficiente nei nostri sistemi di acquisizione “lead generation” che mettiamo a disposizione deii nostri clienti pur avendo generato un sistema nostro, efficace, imbattibile per prestazioni e prezioso per chiunque ci dia fiducia permettendoci di mostrare i risultati e diventare suo partner commerciale.

Abbiamo messo a disposizione le nostre competenze per più di 4.000 clienti in Italia ed all’estero nonché siamo centro clienti autorizzato Google per il quale abbiamo generato e gestito finora più di 900 clienti.
Abbiamo infatti realizzato sistemi innovativi per l’acquisizione di clienti utilizzando competenze ed esperienza maturata studiando e gestendo i mezzi marketing Google a livello mondiale potendo quindi offrire ai nostri clienti un’esperienza di immenso valore nel reperimento di nuova clientela.

Ad oggi abbiamo portato le nostre consulenze a migliaia di imprenditori in settori disparati, dagli hotel ai servizi assicurativi agli studi legali, dal settore alberghiero al ramo assicurativo, dalla produzione e vendita di mobili ai servizi professionali, dal settore immobiliare italiano ed internazionale alla consulenza internazionale fiscale e societaria, dall’edilizia ad azioni di successo mirate ai professionisti di diverse aree e specializzandoci negli ultimi anni in quella del settore legale connesso agli illeciti da usura bancaria.
Tutto ciò ci ha permesso di mettere in contatto gli operatori con il loro mercato di riferimento e partecipare ai grandi risultati e sviluppo delle loro Imprese.
Infatti, grazie alla fiducia che ogni nostro singolo cliente ci ha donato, abbiamo potuto crescere e creare un prodotto particolare che sfrutta tecnologie marketing evolute permettendoci di trovare clienti per ogni tipologia di impresa e conoscendo prima di ogni azione nel dettaglio il valore del suo mercato.
In pratica, a differenza di quanto accade di norma, noi non facciamo esperimenti con i soldi dei nostri clienti ma garantiamo risultati basandoci su dati reali che il mercato ed i mezzi che utilizziamo ci mettono a disposizione poichè prima di attivare una qualsiasi azione commerciale per i nostri clienti, sappiamo già se quell’azione avrà esito positivo o meno.

Abbiamo quindi iniziato ad operare nel settore dell’usura bancaria principalmente fornendo la nostra esperienza commerciale alle principali Aziende italiane che si occupano di tutela da usura bancaria operative nel territorio da 30 anni e, con tali validi presupposti, constatando la necessità immediata di aiutare i privati e le imprese italiane a difendersi dagli illeciti compiuti dalle banche, contando sulla notevole potenza del nostro sistema di “intercettazione della clientela di qualità Crealog Performance” (che non ha pari a livello di forza produttiva e performances con qualsiasi altra rete commerciale sul territorio), abbiamo deciso di creare il network Crealog, cioè la nostra unità commerciale diretta atta a creare il contatto diretto tra chi ha bisogno di essere assistito in materia di usura bancaria e chi fornisce assistenza legale.
Tutto questo ci ha portati a creare il primo network italiano per l’assistenza da usura bancaria.

Per ogni informazione o consulenza su come ottenere i benefici a te riservati clicca sui links qui sotto:

se sei un privato e necessiti di assistenza clicca qui

se sei un avvocato e vuoi ricevere clienti clicca qui

per informazioni scrivici a info@crealognetwork.com o richiedi un contatto inserendo i tuoi dati nel form qui sotto.

Dopo aver letto tutta la presentazione ci rendiamo conto che sono professionisti del Marketing non del Diritto Bancario,stiamo attenti a fare le verifiche del caso,purtroppo ci sono molti casi dove le cause si perdono per errori professionali . Se ci fossero aggiornamenti vi informeremo .

Pubblicato in Senza categoria | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

DEBORAH BETTI BLOGGER DENUNCIATA

diffamazione_deborah_betti_deciba

Denuncia per diffamazione su internet o sui social ( facebook, google, twitter, messenger, whatsapp,oggi più che mai questa pratica Legale riempie i Tribunali . Il web è tutto,possiamo trovare tutto il contrario di tutto,infatti basta cercare una propria ragione e come per magia la troviamo . Il “caso” della blogger Betti l’abbiamo già affrontata

http://www.movimentorevolution.it/?p=4649

Una persona che ha avuto problemi con una società di consulenza nel diritto bancario e ha perso la causa,dopo questa sua disavventura si è improvvisata “paladina della giustizia” ha aperto un blog attaccando incessantemente la SDL CENTRO STUDI (società che aveva scelto per la sua consulenza privata .

Viene da sé che essendo SDL CENTRO STUDI una società importante ha molti clienti,fra questi anche chi non è contento del servizio ricevuto,questo accade spesso,si potrebbe fare una valutazione di tutti i grandi gruppi,difficilmente si troverebbe il 100% dei clienti contenti .

La blogger per un certo periodo ha avuto visibilità,a nostro parere ha sfruttato il malcontento e forse anche la disperazione delle persone ma da un’analisi evidente possiamo evidenziare che i suoi maggiori alleati sono sia persone fuori usciti da SDL CENTRO STUDI,sia operatori nel campo del Diritto bancario,probabilmente anche a scopo commerciale.

La blogger ha scritto decine di articoli contro SDL CENTRO STUDI,la tecnica utilizzata è “con me o contro di me ” intercetta clienti scontenti le invita attraverso una mail list a leggere i suoi articoli e alimenta azioni di denuncia nei confronti sia di SDL CENTRO STUDI sia di altri gruppi non in linea con la sua idea.

Precisiamo che non ha nessuna credibilità nel Diritto Bancario,a nostro parere è solo una persona scontenta di un servizio che vuole cavalcare la visibilità del suo Blog .

I commenti ai suoi post sono di diverso tipo,ironia,parolacce,per arrivare persino ad una minaccia di morte dove lei stessa mette un “mi piace “.

La Blogger ha anche interpellato l’associazione DECIBA che dopo un’attenta analisi ha deciso di non collaborare a questa strumentalizzazione della disperazione,probabilmente arrabbiata da questo rifiuto risponde con un’articolo completamente falso e con varie diffamazione

http://www.deborahbetti.it/deciba-sdl-centrostudi-prove-di-disonesta-ipocrisia-e-falsita/

DECIBA in questo articolo nei commenti ha ricevuto persino minacce di Morte,la blogger con ironia e arroganza appoggia con un “mi piace” il commento al quanto stupido e pericolo,così la scelta di presentare in Procura una denuncia .

Il web è uno strumento meraviglioso,purtroppo le fake new e le diffamazioni sono all’ordine del giorno,quindi stiamo attenti a chi diamo credibilità .

Occorre sapere, invece, che la pubblicazione di immagini o scritti diffamatori in un sito web o sui social network o su una chat di gruppo whatsapp, o la creazione di un sito web a contenuto diffamatorio è stata ricondotta alla fattispecie della diffamazione commessa “con qualsiasi altro mezzo di pubblicità”, di cui all’articolo 595, comma 3 codice penale. Il reato di diffamazione a mezzo di sito web si consuma, inoltre, non al momento della diffusione del messaggio offensivo, ma al momento della percezione dello stesso da parte di soggetti che siano “terzi” rispetto all’agente e alla persona offesa. Se il commento che si trova sui social network o su una chat di gruppo whatsapp è offensivo, la relativa condotta costituisce il reato di diffamazione aggravata (595 c.p.; cfr. sentenzaCassazione penale n. 24431/15). Anche l’invio di e-mail a contenuto diffamatorio, realizzato tramite l’utilizzo di internet, integra un’ipotesi di diffamazione aggravata e l’eventualità che fra i fruitori del messaggio vi sia anche la persona a cui si rivolgono le espressioni offensive, non consente di mutare il titolo del reato nella diversa ipotesi di ingiuria ( C., Sez. V, 16.10.2012, n. 44980).
Requisiti del reato di diffamazione :
assenza dell’offeso (se è presente sussisterà il reato di ingiuria)
offesa all’altrui reputazione
La persona diffamata non deve essere necessariamente indicata nominativamente ma tuttavia deve essere individuabile agevolmente e con certezza. In sostanza è sufficiente che l’offeso possa essere individuato per esclusione, o in via deduttiva.
comunicazione a più persone. Non sussiste quindi il reato di diffamazione nella lesione della reputazione comunicata ad una persona solamente, pur potendo essere ciò sufficiente per richiedere il risarcimento del danno in via civile. Con riguardo alla diffamazione a mezzo Internet la sussistenza della comunicazione a più persone si presume nel momento stesso in cui il messaggio offensivo viene inserito su un sito Internet che, per sua natura, è destinato ad essere visitato da un numero indeterminato di persone in breve tempo
Differenza tra diffamazione e calunnia. La calunnia consiste nell’incolpare falsamente taluno, che si sa con certezza essere innocente, di un reato avanti l’autorità giudiziaria.
Differenza tra diffamazione e ingiuria. L’ingiuria si commette se si offende l’onore o il decoro di una persona. Con la recente depenalizzazione dal codice penale l’ingiuria viene trasformata in un illecito civile.

Pubblicato in Senza categoria | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

BANCA E EQUITALIA COME ANNULLARE I DEBITI

banche_equitalia_difendersi

BANCA e EQUITALIA, un problema molto diffuso e molti non sanno che attraverso la legge molto spesso ci sono delle sorprese inaspettate .

COME DIFENDERSI DA EQUITALIA

Equitalia commette molti errori e sono molte le trasmissioni di denuncia che evidenziano errori di vario tipo. In questo video viene spiegato le possibilità di accertamento e quali risultati si possono ottenere.
Le Banche adesso hanno un nuovo nemico, la matematica, e in molti non sanno che è possibile verificare se sono stati commessi errori o addirittura illeciti, quello che è importante è però è rivolgersi a professionisti preparati, in grado di fare un controllo minuzioso ed eventualmente una richiesta di risarcimento.


IL VASO DI PANDORA

Da alcuni anni a questa parte è emerso come numerosi contratti bancari siano irregolari. Mutui, affidamenti e leasing, ma anche prestiti e “Cessioni del Quinto” gravati da irregolarità nel calcolo degli interessi, che fanno lievitare indebitamente l’importo della rata e del debito. In alcuni casi, gli illeciti sono tali che le somme richieste a titolo di interesse superano il tasso soglia stabilito dalla Banca d’Italia, oltre il quale un contratto è definito dalla legge in usura, illecito di rilevanza penale.
La presenza di usura permette di chiedere un rimborso. Quando si riscontra usura, il contratto è da considerarsi nullo, ed il contraente deve rimborsare solo il capitale ricevuto in prestito, senza corrispondere alcun interesse. Nel caso di leasing pluriennali, e ancora di più nel caso dei mutui, gli interessi rappresentano una parte consistente dell’importo della rata, pertanto si tratta di una differenza significativa.

CHI VINCE CHI PERDE CONTRO LA BANCA ECCO I MOTIVI

Molti imprenditori si sono fatti risarcire. Alcuni imprenditori indebitati, soffocati dalle scadenze e dagli interessi, sottoponendo a verifica i propri contratti, hanno scoperto di pagare più del dovuto, ottenendo, in base alla situazione in essere, una riduzione del debito,e un rimborso. Alcune persone indebitate da molti anni, hanno scoperto di aver pagato così tanto, che non solo il debito era estinto, ma addirittura dovevano ricevere ulteriormente un rimborso
Lo stesso Gruppo D.E.C.IBA .conferma l’importanza del controllo sul Conti Correnti, Mutui, Leasing, in quanto gli illeciti riscontrati nell’80 delle analisi eseguite .
Ulteriori informazioni e richieste di accertamento

www.dicie.it
www.deciba.it
www.deciba-professional.it

Pubblicato in Senza categoria | Contrassegnato , , , , , , , , | Lascia un commento

BEPPE GRILLO ?EFFETTOPARMA EFFETTOFALLIMENTO DI FEDERICO PIZZAROTTI

effetto_parma_sondaggi

Beppe Grillo e la sua Stalingrad non ha avuto i risultati sperati,il grande cavallo di battaglia INCENERITORE è ben funzionato e il Sindaco Uscente Federico Pizzarotti sembra ormai quasi amico con IREN .

Ci piacerebbe sapere l’opinione di Beppe Grillo,probabilmente non si presenterà a Parma a dare il supporto al nuovo candidato del Movimento 5 stelle,l’effetto fallimento è stato troppo evidente.

Politica a parte a pagarne le conseguenze è stato ancora una volta il Popolo,promesse elettorali non mantenute,ma andiamo ad analizzare cosa davvero è successo .

I tagli al welfare saranno forse imposti dalla situazione debitoria ma sono poco in linea con la propaganda grillina e sono stati presi come uno schiaffo ai cittadini più in difficoltà.Multe,sanzioni,regole,sono la linea utilizzata dal ex Grillino,risultato a tutti i costi.

A Pizzarotti si rimprovera tutto e il suo contrario. È accusato di essere ambiguo con l’inceneritore e di volerne aumentare la produttività, ma anche di spendere troppo con una differenziata a livelli di record nazionale (70 per cento) che molti cittadini tollerano male perché la raccolta porta a porta li obbliga a un calendario ferreo. Chi salta l’appuntamento deve aspettare per giorni il giro successivo e se un’anziano sbaglia né paga le conseguenze senza nessuna pietà.

effetto_parma_federico_pizzarotti_sondaggi

Si rinfaccia a Pizzarotti di andare troppo d’accordo con l’Unione parmense degli industriali, l’ancora potente Upi proprietaria della Gazzetta di Parma, e di non fare abbastanza per aiutare i lavoratori coinvolti dalla crisi della Parmacotto di Marco Rosi e figli,partire con le telecamerine per dimostrare trasparenza e finire a stringere rapporti con i grandi Industriali è qualcosa di diverso.

Questa un’interessante opinione di un cittadino di Parma che esprime la sua idea su EFFETTOPARMA

Soprattutto non è andato giù il patto sui servizi all’infanzia con Antonio Costantino, presidente della grande rete cooperativa Gesin-Proges, che riunisce 27 società per oltre 220 milioni di euro di ricavi aggregati. Costantino ha voce in capitolo nell’informazione locale con il sito Parmadaily e prima ancora con il settimanale il Nuovo di Parma, finanziato insieme a Gian Paolo Dallara (vetture da competizione). Il presidente di Proges era già in joint-venture e in ottimi rapporti con il Comune berlusconista guidato da Vignali, messo agli arresti nel gennaio 2013 e anch’egli in cerca di un patteggiamento sul quale si deciderà entro settembre.

effetto_parma_federico_pizzarotti

Invece di internalizzare almeno una delle due società, come da promessa programmatica, Pizzarotti ha rovesciato il rapporto azionario con Proges salendo dal 49 al 51 per cento. In questo modo ha portato nell’area di consolidamento del bilancio comunale Parma06 e Parma Infanzia mantenendo la gestione in mano al socio privato. Non proprio l’ortodossia grillina. Paradossalmente va meglio con gli esponenti nazionali dei democratici.

Che dire,abbiamo sicuramente un “nuovo politico” con vecchi schemi,la politica e il potere cambia le persone,che il “Pizza” fosse un furbetto erano molti ad averlo scoperto,purtroppo per Beppe Grillo si è svegliato tardi .

Il danno maggiore è stato per i Parmigiani che hanno dato fiducia ad una campagna elettorale che parlava chiaro l INCENERITORE NON SI ACCENDE,il resto è visibile a tutti,droga nelle strade e una città trasformata e colorata si sacchetti di immondizia.

Possiamo tranquillamente parlare di #EFFETTOFALLIMENTO

Pubblicato in Senza categoria | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento